Crea sito

Microsoft Office arriverà su iOS e Android, ma solo a fine 2014

12 aprile 2013

Microsoft Office logo

E’, secondo vari addetti ai lavori, un passaggio chiave per Microsoft nell’ottica di voler recitare un ruolo da protagonista nel mondo mobile e sui tablet in modo particolare. La suite di produttività Office per iOS e Android, potenzialmente un business miliardario per la casa di Redmond, è però ancora lontana dal rendersi disponibile per le piattaforme di Apple e Google.

Stando infatti alle ultime indiscrezioni pubblicate nei giorni scorsi dal sito Zdnet, il suo debutto, nonché quello del programma di posta elettronica Outlook per Windows RT, potrebbe materializzarsi non prima dell’autunno del 2014. A dirlo una presunta roadmap di “Gemini”, nome in codice della futura ondata di aggiornamenti di Office.

Il primo rilascio (Gemini 1.0) è previsto per ottobre e conterrà un pacchetto di applicazioni con interfaccia Modern UI che andranno ad affiancarsi alle applicazioni desktop in ambiente Windows a 32 bit già esistenti. In altre parole vedranno la luce versioni “touch-centriche” di Word, Excel, PowerPoint e OneNote, pensate per funzionare sia su dispositivi Windows 8 che su tablet Windows RT (la versione del sistema operativo che “gira” su architettura di processore Arm).

La tappa successiva è fissata per aprile 2014, quando Microsoft dovrebbe annunciare la seconda tornata di rilasci, la “Gemini wave 1.5”. Oggetto dell’aggiornamento la prossima versione di Office per Mac e un update della suite per Windows Phone, cui dovrebbe fare da contorno anche l’estensione del software per i device dotati di grandi schermi.

La prossima primavera sarà, sempre secondo le informazioni raccolte da ZdNet, anche l’ora di un nuovo Office RT, con le versioni migliorate di tutti i programmi della suite sviluppati per Windows RT.

Il percorso di rilascio, se la roadmap è corretta, si concluderà come detto nell’autunno del 2014, quando Office sbarcherà su iOS e Android. Non ci sono dettagli precisi sulla natura della “Gemini Wave 2.0” – e da Microsoft non c’è alcuna indicazione in tal senso – ma è praticamente scontato che a Redmond stiano lavorando a una soluzione che possa funzionare perfettamente su iPad e sui tablet (Google inside) delle varie Samsung, Acer, Hp, Lenovo e via dicendo.
Sulla carta il debutto sembra troppo in là nel tempo, considerando le possibili contromosse della concorrenza. Non è però escluso che Microsoft, fra 18 mesi, cali sul tavolo un jolly a sorpresa: e cioè una versione di Office anche per iPhone e smartphone androidi.