Crea sito

Archivio

Posts Tagged ‘privacy’

Facebook, ultimatum del Garante Privacy

4 luglio 2013 Commenti chiusi

Facebook Logo

L’ultimatum è stato fissato al prossimo 20 luglio, data entro cui i responsabili di Facebook dovranno rispondere ad una serie di interrogativi inviata dal Garante per la protezione dei dati personali italiano. Chiarimenti sulle specifiche modalità di trattamento delle informazioni appartenenti agli utenti tricolore in seguito al discusso bug di sistema che aveva esposto indirizzi di posta elettronica e numeri telefonici a soggetti terzi, anche non iscritti al social network californiano.

“È emerso che circa sei milioni di dati relativi a contatti memorizzati all’interno delle rubriche di utenti di Facebook sarebbero stati oggetto di indesiderata comunicazione a utenti terzi, non necessariamente in relazione di amicizia con gli interessati e presumibilmente neanche noti a questi ultimi”, scrive il Garante italiano al sito in blu. Confermato dalla stessa azienda di Menlo Park, il bug aveva reso visibili ad uno specifico utente le informazioni personali di altri, contenute nelle rubriche di utenti amici.

Prosegui la lettura…

Un bug diffonde sei milioni di dati di Facebook

22 giugno 2013 Commenti chiusi

Facebook Logo

Un errore in un software ha agevolato la diffusione di sei milioni dei dati personali di iscritti a Facebook. Ad annunciarlo è la stessa azienda californiana, che spiega di aver allertato le autorità negli Stati Uniti, Canada ed Europa e che non ci sono prove che il bg sia stato utilizzato per un’”intrusione maligna”. Intanto, sembra aver riscontrato il favore degli utenti il rilascio della funzione video su Instagram: nelle prime 24 ore di lancio sono state caricate 5 milioni di clip.

Il baco dovuto ad un errore tecnico si è diffuso tramite uno strumento che consente di aggiornare la propria lista di contatti o di indirizzi su Facebook. In particolare, sarebbe legato ad una funzione che elabora le agende dei contatti per dare segnalazioni di possibili nuove amicizie. È stato eliminato in 24 ore, troppo tardi però per evitare la dispersione dei dati personali.

Prosegui la lettura…

La Spagna vuole i “trojan di stato”

9 giugno 2013 Commenti chiusi

Virus informatico

Proposta dal ministro alla Giustizia Alberto Ruiz Gallardón, una riforma del codice di procedura penale in terra iberica che permetterà agli agenti di polizia l’installazione coatta di software sulle varie apparecchiature informatiche di cittadini sospetti o in custodia cautelare. I cosiddetti trojan di stato potranno essere autorizzati da un giudice competente per la raccolta di informazioni utili da laptop, tablet e smartphone.

Prosegui la lettura…

Categorie:News Tag: , , , , ,

Germania, Apple cambierà la privacy

9 maggio 2013 Commenti chiusi

Apple logo

Apple dovrà modificare le sue policy in materia di privacy, obbligata da una corte regionale di Berlino su richiesta dell’associazione dei consumatori tedeschi VZBV. Valida nella sola Germania, l’ordinanza del giudice berlinese costringerà la Mela a rivedere 8 delle 15 previsioni contenute nel pacchetto di politiche sulle attività di raccolta e sfruttamento dei dati personali appartenenti agli utenti iOS tedeschi.

Prosegui la lettura…

Categorie:News Tag: , , , ,

Microsoft: troppi PC senza antivirus

21 aprile 2013 Commenti chiusi

Microsoft - Logo

Ogni giorno un grave pericolo informatico s’affaccia alla rete mondiale, e quel pericolo è l’utente stesso: lo sostiene la nuova versione del Security Intelligence Report di Microsoft (SIRv14), rapporto sui dettagli e i trend delle minacce IT che si rifà alla seconda metà dell’anno 2012.

Fra i dati messi assieme dal SIR spicca infatti il 24 per cento dei PC privi di antivirus, antimalware o di qualsiasi altra protezione contro i pericoli informatici provenienti dalla rete e non solo: in media, si sostiene nel SIR, questi PC non protetti hanno una possibilità 5,5 volte superiore di essere colpiti da infezioni virali o da qualcosa di molto peggio come botnet, backdoor e infezioni complesse multi-componente.

Prosegui la lettura…

Categorie:News Tag: , , , ,

Siri conserva per due anni le ricerche effettuate

20 aprile 2013 Commenti chiusi

Siri Logo

Comandi, messaggi, indicazioni stradali, note private: Siri analizza ogni giorno centinaia di frasi. Ogni singola parola pronunciata all’assistente virtuale di Cupertino finisce sui server Apple, dove viene tradotta in codici comprensibili per il sistema, a loro volta translati in una risposta. Ma cosa se ne fa la Mela di tutti questi dati?

Da qualche tempo si parla di Siri e di privacy. E le prospettive per l’utente, almeno di primo acchito, non sono parse delle più rosee. Come riutilizza Apple questi dati? Quel che si pronuncia all’assistente vocale è davvero privato? Quanto tempo viene conservato il malloppo orale della mela morsicata? A sollevare queste problematiche sono state numerose associazioni dei consumatori e singoli professionisti, tra cui Nicole Ozer, l’avvocato dell’American Civil Liberties Union che per prima ha portato la questione agli onori della cronaca.

Prosegui la lettura…

Categorie:News Tag: , ,

Le comunicazioni con Skype possono essere intercettate

19 marzo 2013 Commenti chiusi

Skype Logo

Non è la prima volta che la riservatezza di Skype è in dubbio. Il sospetto che vengano intercettate le comunicazioni attraverso il servizio che Microsoft ha acquistato nel 2011, è stato denunciato attraverso una lettera aperta a Skype da parte di un gruppo internazionale di difensori dei diritti umani. Ora, un ricercatore di informatica dell’Università del New Mexico, avrebbe scoperto come sia possibile monitorare la messaggistica del noto programma di messaggistica istantanea e VoIP.

Jeffrey Knockel, questo il suo nome, ha rivelato un elenco di vocaboli, che farebbero scattare i controlli da parte del governo cinese. La versione del programma distribuito in Cina non è quella utilizzata dalla maggior parte degli altri Paesi. Si tratta di una versione che Microsoft fornisce  attraverso una joint venture con Tom Online, operatore mobile di Hong Kong, a cui il colosso di Redmond ha concesso la possibilità di modificare il codice sorgente del programma.

Prosegui la lettura…

Categorie:News Tag: , , ,

Privacy, Google pagherà 7 milioni di dollari

9 marzo 2013 Commenti chiusi

Google Logo

Google pagherà 7 milioni di dollari per terminare una causa in corso in diversi stati Usa con l’accusa di aver carpito email, password e altre informazioni sensibili dalle reti wireless degli utenti durante la mappatura per il servizio Google Street View. Dati personali che nulla hanno a che fare con la cartografia o la fotografia tridimensionale dei luoghi.

La sanzione arriva in seguito alle numerose denunce dopo le notizie secondo cui le auto utilizzate da Mountain View avrebbero avuto a bordo apparecchiature per captare dati di questo tipo. Anni fa Google aveva ammesso di aver prelevato “frammenti” di dati privati da milioni di pc. E non sono mancate accuse verso il gigante statunitense, relative al tentativo di ostacolare le indagini.

Prosegui la lettura…

Categorie:News Tag: , ,