Crea sito

Yahoo vicina all’acquisizione di Tumblr

19 maggio 2013

Le trattative sono vicine alla conclusione: Yahoo! valuta un’offerta da 1,1 miliardi di dollari in contanti per acquisire la piattaforma di blog e microblog Tumblr. Il consiglio di amministrazione del gruppo guidato da Marissa Mayer si riunirà domani sera in vista della decisione finale.

Yahoo Logo

Se l’accordo andrà in porto Tumblr resterà indipendente, in modo simile a quanto è avvenuto con Instagram e Facebook. Sono indiscrezioni riportate dal sito online d’informazione hi-tech All Things Digital e hanno sollevato ipotesi sui possibili scenari.

Di certo Yahoo! ha convocato per questo lunedi a New York una conferenza stampa dove ha annunciato che “condividerà qualcosa di speciale”, come indica il testo dell’invito consegnato ai giornalisti.

A fondare Tumblr è stato un ragazzo prodigio del software, David Karp, quando era ventenne: in poco tempo ha conquistato sul web l’attenzione soprattutto tra i giovani, grazie anche agli strumenti per il design di pagine creative e all’integrazione con i social media. Ha superato la soglia di 108 milioni di blog e microblog aperti dagli utenti. Durante gli anni Karp ha declinato molte offerte da parte dei giganti hi-tech, ma negli ultimi mesi aveva fatto sapere che avrebbe considerato eventuali proposte.

Tumblr ha dichiarato di aver raggiunto un fatturato di 13 milioni di dollari nel 2012 e ha accelerato nella sperimentazione della distribuzione di pubblicità: l’aumento di pubblico online, però, non sembra essere stato sufficiente a garantire la sostenibilità economica. E Karp ha deciso quindi di guardarsi intorno. Secondo la società d’analisi ComScore un quinto degli utenti negli Stati Uniti legge i blog di Tumblr da dispositivi mobili.

Per Yahoo! sigillare l’accordo significa fare un salto in avanti nei social media e arrivare a una platea più giovane in grado di richiamare altri inserzionisti pubblicitari. Di recente il colosso del web guidato da Marissa Mayer ha accelerato nell’integrazione di Twitter e Facebook all’interno dei suoi spazi digitali. E attraverso una lunga sequenza di acquisizioni ha allungato il passo per coinvolgere gli utenti che accedono da dispositivi mobili.

Categorie:News Tag: , , ,