Crea sito

Dentro il Grand Canyon con Google

31 gennaio 2013

Google Maps Logo

Sia che stiate preparando la vostro prossima gita fuori porta o che vogliate semplicemente saperne di più sulla storia geologica del nostro pianeta, Google Maps può esservi d’aiuto. Dopo gli Oceani, le strade d’America e le foreste amazzoniche, oggi la Big G svela le immagini di uno dei luoghi più suggestivi al mondo: il Grand Canyon. Zaino (hi-tech) in spalla, i “trekker” hanno percorso i 120 chilometri di sentieri e strade, setacciando ogni angolo, per portare la magia di acqua e roccia a portata di mouse.

Con il nuovo servizio potrete percorrere gli stretti passaggi ed i sentieri a strapiombo del Grand Canyon, esplorare la Bright Angel Trail, guardare dall’alto la furia del fiume Colorado. “E’ probabile”– scherza Ryan Falor, product manager di Google – “che quando vi troverete sui dirupi scoscesi della South Kaibab Trail sarete contenti di ricordare che si tratta soltanto di un’escursione virtuale”.

La raccolta di queste immagini è stata possibile grazie al Trekker. “Le persone del nostro team- prosegue Falor- si sono caricate in spalla gli oltre 18 chili dello speciale zaino con attrezzatura Android e hanno percorso in lungo e in largo il terreno roccioso del Canyon, a piedi, resistendo agli sbalzi di temperatura e a qualche crampo muscolare”. In tutto, sono quasi 10mila gli scorci “esplorabili” armati di mouse e pc.

Un deciso balzo avanti in un campo della tecnologia – quello delle mappe – che ha scatenato una «guerra» tra produttori. Secondo uno studio di Boston Consulting Group e Oxera, l’industria che opera in ambito “geo” a livello globale vale fino a 270 miliardi di dollari all’anno e paga stipendi complessivamente per 90 miliardi di dollari.

Solo negli Stati Uniti in questo settore sono impiegate oltre 500.000 persone e il mercato vale 73 miliardi di dollari. Nell’indagine è contenuto anche qualche esempio di come l’industria legata alle mappe incida sull’economia. Viene citata Ups, che usando la tecnologia delle mappe per ottimizzare i tragitti dei propri mezzi ha risparmiato nel 2011 oltre 2.4 milioni di litri di carburante. Oppure: ogni 8 secondi una persona chiama un taxi attraverso Hailo, un servizio che utilizza mappe e sistemi gps e ha prodotto oltre 1 milione di viaggi solo nello scorso anno a Londra. E infine Zipcar, un servizio di carsharing Usa che utilizza le mappe per mettere in contatto oltre 760.000 clienti con una crescente flotta di autovetture sparse in diverse località nel mondo.

Categorie:News Tag: ,


 
Privacy Policy - Personalizza tracciamento pubblicitario